Comportamenti scorretti in camper

 

Vi siete mai chiesti che cosa comportano alla categoria di noi camperisti? Bologna è un esempio di quello che può succedere

Ti è piaciuto questo articolo? Lascia il tuo 'Like' cliccando sul pulsante!

Mi capita a volte di incappare in post dove vengono denunciati dei comportamenti scorretti in camper da parte di camperisti: parcheggi fatti alla membro di cane, scarico di liquami dove capita, scarico delle acque grigie in sosta o magari in movimento lungo l’autostrada lasciando un filino aperta la bocchetta per disperdere il contenuto lentamente strada facendo e dando così meno all’occhio, utilizzo di generatori come se si dovesse rifornire una centrale elettrica e molto altro.

Ci arroghiamo il diritto di voler parcheggiare dove vogliamo, a giusta ragione a volte, in quanto il camper è equiparato a una macchina. Trovo stupidi i divieti presenti nei grandi parcheggi, la presenza di sbarre limitatrici in altezza in quanto tolgono un mio diritto a voler visitare un posto. I grandi piazzali asfaltati sono stati creati proprio con quell’intento e non riesco proprio a concepire perché io non ne possa usufruire soprattutto se mi trovo a pagare regolarmente la tariffa di parcheggio; e per quanto mi riguarda mi andrebbe bene pagarla anche maggiorata in quanto comunque mi trovo ad occupare più spazio.

Mi arrabbio meno se il divieto si trova magari davanti ad attività commerciali che vedrebbero ostruite le loro insegne per cui pagano delle tasse per essere visibili o davanti ad un panorama che se vedesse decine di camper parcheggiati verrebbe rovinato.

La continua e sempre più crescente strafottenza da parte dei “camperai” (i camperisti con la C maiuscola sono grazie al cielo ancora la maggior parte e sono tutt’altra cosa) sta rovinando la categoria in maniera irreversibile. I camper si sono diffusi in maniera esponenziale negli ultimi anni mentre spesso latitano ancora strutture ricettive come aree camper perché questo genere di turismo, in Italia, ancora fatica ad essere concepito dalle amministrazioni comunali e a volte forse capisco il perchè.

A Bologna manca una vera e propria area camper degna di tale nome. Vi posso assicurare che la mia città è bellissima e negli ultimi anni sta vivendo un boom di presenze turistiche proveniente soprattutto dall’estero. Mi rattrista il fatto che il turismo pleinair venga completamente snobbato e quando mi ritrovo a leggere post in cui vengono richieste soluzioni di sosta mi ritrovo a indicare di pernottare nei paesi di provincia per poi raggiungere il centro con i mezzi pubblici.

Vedo che molti consigliano come sosta i Giardini Margherita, beh sappiate che questo non è più possibile.

So che è da anni che i residenti sono sul piede di guerra, avevo letto in passato lettere di richiesta di chiarimenti da parte di cittadini a cui gli assessori rispondevano laconicamente che non potevano vietare la sosta ai camper e che i vigili difficilmente riscontravano infrazioni in quanto il parcheggio veniva regolarmente pagato. Questa estate mi è capitato più volte di vedere fotografie su un quotidiano locale che denunciavano comportamenti scorretti da parte dei camperai. Roba stesa fuori dai camper, cumuli di immondizia mollata in mezzo al parcheggio, gente che si faceva la doccia esterna nel piazzale. E no, non erano zingari, Rom, Sinti o affini. Mi chiedevo quanto avrebbero impiegato prima di dare una stretta a tutto questo.

A seguito di tutto questo il Comune di Bologna ha deciso di dare un taglio a questi comportamenti ben consapevole che non può vietare la sosta ai camper. Come ha fatto? I Giardini Margherita avevano due ingressi, uno bello largo e uno molto stretto… Semplice, hanno istituito un senso unico, per cui ora si può accedere ai giardini solo da Via Sabbioni, di fatto il divieto di sosta non c’è, ma vi sfido ad entrare con un camper dal cancello di entrata.

Siete testimoni di comportamenti scorretti in camper? fatemi la cortesia e fatela anche a voi stessi come camperisti, se vedete qualcuno che si comporta in maniera scorretta: non mettetevi a litigare in prima persona rovinandovi le vacanze, non mettete le fotografie su Facebook che non serve a nulla e anzi, se non coprite la targa rischiate pure una denuncia… chiamate la polizia municipale che sono sicuro accorrerà al sentore della possibilità di avere entrate nelle casse comunali.

La vostra coscienza risulterà più pulita e avrete dato una mano concreta alla categoria dei Camperisti.

Ti è piaciuto questo articolo? Lascia il tuo 'Like' cliccando sul pulsante!

Ti è piaciuto questo articolo? Lascia il tuo 'Like' cliccando sul pulsante!

Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Search in posts
Search in pages
Filter by Categories
Articoli in evidenza
Basilicata
Campania
Campeggi & c.
Camper
Camper, roulotte e tenda
Centro
Città
Dicembre 2018
Emilia-Romagna
Emilia-Romagna
Eventi e Raduni
Isole
Lago
Lazio
Lombardia
Marche
Mare
Montagna
News
Nord
Notizie di cronaca
Novembre 2018
Piemonte
Pleinair lifestyle
Pleinair tech
Puglia
Puglia
Salone del Camper 2017, Parma
Sardegna
Sardegna
Sicilia
Speciale Carnevale 2018
Speciale Pasqua 2018
Speciale Turismo & Outdoor Parma 2018
Spunti di viaggio
Sud
Tenda e c.
Toscana
Trentino-Alto Adige
Umbria
Veneto
Veneto

Categorie

Archivi