In questo articolo vi parliamo di Gallipoli, città sulla costa del Salento di fama internazionale, e di Torre Sabea, una piccola ma bellissima torre su cui aleggia una tragica leggenda d’amore.

Nell’immaginario collettivo la regione Puglia è sinonimo di estate, spiagge e mare che nulla hanno da invidiare ai Caraibi. Questa splendida regione, tuttavia, ha molto da offrire in tutti i periodi dell’anno, compreso l’inverno.

Gallipoli (dal greco Callipolis, città bella) è giustamente considerata la Perla del Salento.

A 40 km da Lecce, la città è costituita da un borgo antico, chiamato anche città vecchia, che si erge su un’isola, e dalla città nuova, collegata a quella vecchia da un ponte del Novecento. Questo ponte, in realtà, è l’antico ponte levatoio del castello.

Cominciamo la visita alla città bella con il Castello di Gallipoli, che ci accoglie nel borgo antico, o città vecchia.

Ti è piaciuto questo articolo? Lascia il tuo 'Like' cliccando sul pulsante!

Il Castello di Gallipoli è una fortezza angioina recentemente ristrutturata che si erge all’ingresso del borgo antico e attraverso i cui torrioni, sale maestose, gallerie e corridoi è possibile tuffarsi nel passato ed apprezzare particolari architettonici di grande valore (il castello sarà chiuso fino al 7 dicembre 2017 per lavori).

Durante il mese di dicembre il castello ospita il Villaggio di Babbo Natale ed uno spettacolo teatrale dedicato ai più piccoli. Nel centro storico è stato costruito un presepe artistico in dimensioni reali che rimane allestito tutto l’anno.

Proseguiamo quindi passeggiando attraverso il dedalo di vie e vicoli del centro storico, alla scoperta di negozi e prodotti tipici, e assaporando l’atmosfera unica di questa città.

Nel borgo antico troviamo la bellissima Basilica Cattedrale di Sant’Agata, in stile barocco leccese come era regola nel periodo in cui fu edificata (1629-1696).

Ti è piaciuto questo articolo? Lascia il tuo 'Like' cliccando sul pulsante!

Si dice che ai primi dell’Ottocento il campanile crollò in conseguenza della morte della famosa fattucchiera Tina Parasacchene.

Ai piedi delle mura della città vecchia si adagia la Spiaggia della Purità (chiamata anche familiarmente “la Puritate”).

Si narra che sotto uno degli archi murali della spiaggia, in una grotta, lavorasse un fabbro e che da quella grotta partisse un passaggio sotterraneo che conduceva all’ingresso del Castello di Gallipoli. Si racconta inoltre che in questo passaggio sotterraneo il fabbro ritrovò diversi teschi di bambini, probabilmente in corrispondenza della Chiesa di Santa Teresa. Quell’arco, chiamato la Grotta del Diavolo, deve il proprio nome a questa leggenda.

Il nome di questa spiaggia deriva da quello della Chiesa di Santa Maria della Purità, che sorge nelle vicinanze.

Ti è piaciuto questo articolo? Lascia il tuo 'Like' cliccando sul pulsante!

La Chiesa di Santa Maria della Purità è indubbiamente una delle più caratteristiche della città. La chiesa, costruita per volere di un gruppo di scaricatori di porto e adibita ad oratorio della corporazione degli stessi nel 1664, si affaccia sulla Riviera Cristoforo Colombo. I suoi affreschi e le sue maioliche sono un vero gioiello.

Concludiamo la visita del borgo antico con il Frantoio Ipogeo del Palazzo Granafei.

Il Frantoio Ipogeo del Palazzo Granafei, che prende il nome dai proprietari ottocenteschi ma risale al Rinascimento, è l’unico dei trentacinque frantoi ipogei del 1600 ad essere stato interamente ristrutturato.

Posto sotto al palazzo Granafei, il Frantoio Ipogeo è un significativo esempio degli stabilimenti di produzione dell’olio del Settecento.

Al suo interno è possibile ammirare presse olearie, una macina del XVII secolo e altri attrezzi adatti alla lavorazione delle olive. Il frantoio è visitabile solo nei mesi estivi e si consiglia la visita guidata per apprezzarlo al meglio.

Ti è piaciuto questo articolo? Lascia il tuo 'Like' cliccando sul pulsante!

Tornando nella città nuova, non fatevi mancare una passeggiata serale lungo il centralissimo Corso Roma e il Lungomare Galilei, preceduti da una tappa immancabile: un aperitivo sulle mura al calare del sole, per godersi appieno il tramonto sul mare.

Ti è piaciuto questo articolo? Lascia il tuo 'Like' cliccando sul pulsante!

Se cercate la movida, non fatevi mancare le discoteche sulle spiagge di Baia Verde in cui la musica comincia al mattino e finisce… il mattino seguente!

Uscendo dal centro cittadino di Gallipoli non perdete la visita alla bellissima Torre Sabea, torre di piccole dimensioni costruita a scopi difensivi nel XVI secolo.

Una triste leggenda avvolge la Torre Sabea.

Si racconta che nel 1500, periodo continuamente funestato da assalti di pirati, le torri costiere venissero sorvegliate da schiere di soldati opportunamente addestrati, soldati chiamati torrieri. Si narra che tra questi torrieri, il cui compito era quello di difendere l’antica torre, vi fosse un giovane di bell’aspetto, Flavio, il quale era perdutamente innamorato di Florilanda, divenuta anche sua sposa, giovane gallipolina di grande bellezza ma di povere origini. La leggenda narra che nel giorno di Pentecoste (detto anche Pasqua delle Rose) la giovane sposa, dettata dall’ardente desiderio di rivedere anche solo per pochi istanti il proprio sposo di stanza alla Vecchia Torre, insieme ad alcune compagne raggiunse la torre e si unì al suo amato in un appassionato abbraccio, lasciandosi andare alla passione. Poiché, nonostante i richiami delle amiche Florilanda non tornava, al calar del sole le compagne presero da sole la via del ritorno. Quando Florilanda si svegliò in piena notte, volle rientrare in città ma a causa del buio della notte perse la strada e decise di ritornare alla torre da Flavio. Lo sposo, di guardia alla torre, insospettito dal rumore e credendo si trattasse di un nemico, corse incontro alla figura trafiggendola con la propria alabarda. Accortosi del tragico e fatale errore, egli posò il corpo esanime della propria amata su una barca ed insieme sparirono in mare, senza fare più ritorno.

Ancora oggi si dice che ogni sera due gabbiani bianchi riposino al riparo della Vecchia Torre per poi spiccare il volo verso l’infinità del mare.

Info utili e link pubblicitari

La Redazione consiglia:

L’Agricampeggio & Glamping “Torre Sabea” sorge nelle immediate vicinanze della bellissima e suggestiva Torre Sabea, da cui prende il nome.

Immerso nella natura della macchia mediterranea, e a ridosso della costa rocciosa che si affaccia sul mar Ionio, l’Agricampeggio dista solo 1 km dalla famosa località di Rivabella, un litorale di spiagge paradisiache lungo circa 3 km e contornato da fresche pinete di pini marini.

La navetta privata del campeggio effettua viaggi gratuiti per Rivabella e, ad un piccolo costo aggiuntivo, direttamente all’ingresso del Centro Storico di Gallipoli, il punto nevralgico sociale e culturale della città.

La struttura dispone di ampie piazzole erbose ombreggiate per camper, tende e roulotte; un bar; i servizi e tutti i comfort dedicati ai campeggiatori.

Chi soggiorna in camper avrà a disposizione camper service, elettricità da 2 a 6 amp, servizi igienici con docce calde gratuite e Wi-Fi in tutta la struttura.

Ti è piaciuto questo articolo? Lascia il tuo 'Like' cliccando sul pulsante!

Dislocati all’interno del campeggio caratteristici bungalow, monolocali e bilocali in muratura con angolo cottura, patio esterno e parcheggio in loco; invece, per coloro che vogliono vivere un’esperienza di puro relax a contatto con la natura, le nuove aree Glamping-Experience.

All’interno delle aree Glamping Experience, gli ospiti possono trovare confortevoli ed eleganti Luxury Tents in grado di soddisfare le esigenze di chi ama il contatto con la natura ma non vuole rinunciare alle comodità di una stanza d’albergo.
Quest’area, circondata da uno splendido giardino, offre ai soli clienti Glamping piscina e solarium, e assicura una riservatezza e una tranquillità uniche.

Ti è piaciuto questo articolo? Lascia il tuo 'Like' cliccando sul pulsante!

Il campeggio è assolutamente pet-friendly! Animali di tutte le razze e taglie sono i benvenuti: gli amici a quattro zampe hanno accesso alla navetta, alla spiaggia e a tutte le aree del campeggio eccetto la zona bagni e la zona piscina.

L’Agricampeggio Torre Sabea è la struttura ideale per gli appassionati del turismo all’aria aperta, coloro che amano essere padroni del proprio tempo e godere di una vacanza all’insegna della natura in piena libertà di movimento.

www.torresabea.it

Litoranea per Santa Maria al Bagno (SP 108), 73014 Gallipoli (LE)

+39 0833298273 / +39 3469473565.

Ti è piaciuto questo articolo? Lascia il tuo 'Like' cliccando sul pulsante!

Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Search in posts
Search in pages
Filter by Categories
Articoli in evidenza
Basilicata
Campania
Campeggi & c.
Camper
Camper, roulotte e tenda
Centro
Città
Dicembre 2018
Emilia-Romagna
Emilia-Romagna
Eventi e Raduni
Isole
Lago
Lazio
Lombardia
Marche
Mare
Montagna
News
Nord
Notizie di cronaca
Novembre 2018
Piemonte
Pleinair lifestyle
Pleinair tech
Puglia
Puglia
Salone del Camper 2017, Parma
Sardegna
Sardegna
Sicilia
Speciale Carnevale 2018
Speciale Pasqua 2018
Speciale Turismo & Outdoor Parma 2018
Spunti di viaggio
Sud
Tenda e c.
Toscana
Trentino-Alto Adige
Umbria
Veneto
Veneto

Categorie

Archivi