In cerca di idee per un weekend in camper? Pesaro, città della ceramica d’arte, e Gradara, teatro del tragico amore di Paolo e Francesca

Pesaro

Pesaro è spesso associata solo al turismo estivo e al mare. Dietro alle file degli ombrelloni sulla spiaggia si celano i luoghi che ne hanno fatto la storia e creato l’identità.

Il Conservatorio Rossini, in cui è l’anima e l’estro di Gioacchino Rossini, papà del Barbiere di Siviglia, sono palpabili; il Museo delle Ceramiche, che raccoglie oltre 3400 ceramiche e dove è possibile ammirare la tradizione della maiolica dipinta, nata nel Cinquecento e rinnovatasi nel corso dei secoli fino ad arrivare ai giorni nostri.

Il Piazzale della Libertà, con il suo mare, la Sfera Grande di Arnaldo Pomodoro e il Villino Ruggeri, spendido esempio di stile Liberty sono un punto di partenza per visitare la città rossiniana.

Lungo via Rossini si trova la Cattedrale di Santa Maria Assunta, sorta nel IX secolo su un’area edificatoria romana e di cui si conserva ancora, sotto al livello attuale, un grande mosaico a pavimento del IV-V secolo. La facciata, semplice, è del XIII secolo. Proseguendo si incontra la casa natale di Gioacchino Rossini, oggi museo.

Ti è piaciuto questo articolo? Lascia il tuo 'Like' cliccando sul pulsante!

E poi le chiese, i teatri, le ville i palazzi e le osterie. A Pesaro non si respira l’atmosfera tipica dei centri marinari, ma piuttosto quella dei borghi, delle ville e dei poderi collinari, dell’ulivo e della vigna.

Non stupisce quindi che alle porte della città arrivino le valli e i pendii di un rilievo costiero, il Monte S. Bartolo.

Da Pesaro a Gradara

Una delle vie che congiunge Pesaro a Gradara è la Strada Panoramica del S. Bartolo (SP44) che si inerpica sulle pendici meridionali del monte. Terminata la salita si giunge ad un faro bianco, se si vuole si può fare una piccola deviazione. Da qui infatti parte una piccola strada sterrata che valica il crinale e giunge al cancello di Villa Imperiale, complesso architettonico rinascimentale di grande pregio.

Riprendendo la panoramica verso nord, si può godere di meravigliose viste sul paesaggio interno: un insieme armonioso di campi coltivati, boschi e filari di alberi. I saliscendi si susseguono e si avvista Fiorenzuola di Focara, uno dei quattro castelli medievali che formavano il sistema di controllo del valico della Siligata, preceduto da un belvedere. Qui si possono ripercorrere le antiche strade di Fiorenzuola, salendo tra giardini bellissimi e arrivando fino alle rovine della chiesa di Sant’Andrea, di cui resta poco più di una torre a picco sul mare.

Diverse sono i paesi in cui è possibile fermarsi ed ammirare storia e natura che si fondono insieme. Se si desidera una strada più breve, meno tortuosa ma meno panoramica, è possibile utilizzare la SS16 (15 km contro i 33 della Strada Panoramica).

Arrivati ai piedi di Gradara, si parcheggia e si prosegue a piedi.

Gradara

Il Castello di Gradara è un suggestivo e intatto complesso medievale formato da una rocca, da un bordo e da una cinta di mura turrite sulla sommità del colle.

Le case, in mattoni come le mura, le torri e la rocca del borgo si dispongono ai lati della via principale, via Umberto I, tra la Prima e la Seconda Porta di accesso al borgo.

Superata la Terza Porta, che è il vero e proprio ingresso alla rocca, si accede alla piazza d’armi, da cui è possibile ammirare il fortilizio a pianta quadrilatera, in mattoni, con torri poligonali agli angoli. La visita alla rocca si snoda lungo un percorso che tocca tutte le stanze del piano superiore, compreso il salottino di Lucrezia Borgia, e termina con la camera di Francesca, su cui aleggia lo spirito della tragedia dei due amanti. La tradizione, infatti, vuole che qui si consumasse la tragedia amorosa di Paolo e Francesca. La realtà storica riporta la storia di una donna lasciata sola dal marito in un maniero, del vecchio padre e di un amabile cognato …

Ti è piaciuto questo articolo? Lascia il tuo 'Like' cliccando sul pulsante!

Ti è piaciuto questo articolo? Lascia il tuo 'Like' cliccando sul pulsante!

Info utili e link pubblicitari

Dove sostare con il camper

Clicca qui per tutti campeggi, aree di sosta attrezzate e campeggi nel raggio di 10 km da Pesaro (in ordine di distanza).

Clicca qui per tutti campeggi, aree di sosta attrezzate e campeggi nel raggio di 10 km da Gradara (in ordine di distanza).

Clicca qui per il parcheggio misto con camper service a Gradara.

Ti è piaciuto questo articolo? Lascia il tuo 'Like' cliccando sul pulsante!

Ti è piaciuto questo articolo? Lascia il tuo 'Like' cliccando sul pulsante!